ODONTOIATRIA GENERALE E PER BAMBINI

Rappresenta la parte principale della nostra attività e si compone di conservativa, le classiche otturazioni ma anche ricostruzioni più complesse come gli intarsi, endodonzia, protesi fissa e mobile, chirurgia estrattiva, terapia delle patologie gengivali e pedodonzia, ossia la odontoiatria per i bambini.

Ortodonzia generale e pediatrica

OTTURAZIONI

Da sempre le rappresentano la parte principale del nostro lavoro, consistono nella asportazione della parte malata del dente e nella sua sostituzione con diversi materiali. Attualmente si utilizzano principalmente delle resine composite, che permettono di riportare il dente alla sua forma originaria mantenendo intatta l’estetica.

Si tratta di interventi assolutamente indolore in quanto eseguiti con anestesia e che si concludono in un solo appuntamento per carie.

ENDODONZIA

Con questo termine un po' strano si indica l’intervento di asportazione della parte più interna del dente, costituita da nervi, vene ed arteriole, che si rende necessaria quando una carie particolarmente profonda la raggiunge, provocando una infezione, a sua volta responsabile del violento dolore tipico del”mal di denti”.

Anche questa indolore, si effettua quasi sempre in una sola seduta.

Essendo indispensabile non contaminare l’interno del dente, viene eseguita isolando la zona con un telino in lattice chiamato diga.
L’utilizzo di strumenti rotanti al nichel titanio, introdotti nella pratica clinica da alcuni anni, ha poi permesso di accorciare notevolmente i tempi di lavorazione e di migliorarne i risultati, con evidenti vantaggi per i pazienti.

CHIRURGIA ESTRATTIVA

Purtroppo a volte capita di di trovarsi nella necessità di estrarre un dente, o perché troppo danneggiato per poter essere riparato o perché mal posizionato o ancora perché aggredito dalla piorrea in modo irrimediabile.

Anche questo non deve essere fonte di preoccupazione, eseguendo una corretta anestesia il paziente non sente alcun dolore e nel giro di pochi minuti risolve il suo problema!

Quando un dente è irrimediabilmente danneggiato l’unica soluzione è estrarlo!
Ma niente paura anche questo intervento è completamente indolore.

PROTESI FISSA SU DENTI E IMPIANTI

Per protesi fissa si intende la tecnica che permette di ricostruire denti particolarmente danneggiati e non otturabili, con delle capsule, solitamente in ceramica ma anche con altri materiali come metallo e resina o solo metallo, che ristabiliscono la corretta forma e funzione dell’elemento danneggiato.
Si possono anche sostituire denti mancanti con strutture, chiamate ponti, che poggiando sui due denti vicini alla zona edentula, ricostruiscono gli elementi che mancano.
Negli ultimi anni sono stati introdotti in commercio nuovi materiali come il disilicato di litio e la zirconia, che permettono di eliminare la parte metallica delle capsule con risultati estetici incredibili.
La corona e le capsule sono protesi dentali che hanno la funzione di ricoprire un dente danneggiato, rafforzandone la struttura e proteggendolo nel tempo. Sono diversi i motivi per cui si ricorre alle protesi dentarie fisse e solitamente sono legati a: carie profonde ed estese che non possono essere risanate attraverso una semplice otturazione, infezioni della polpa dentale, scheggiatura o rottura parziale del dente, devitalizzazione, copertura di un impianto dentale.
Grazie a questi nuovi materiali, si sono poi sviluppate tecniche protesiche diverse rivolte al raggiungimento di una sempre più soddisfacente estetica, come le faccette in ceramica.
Si tratta di sottilissimi strati di ceramica, dello spessore di pochi decimi di millimetro, che vengono incollate alla superficie del dente eliminando tutti gli inestetismi presenti, senza danneggiarlo.

PROTESI MOBILE

Se i denti sono, purtroppo, un ricordo, possiamo ridarli anche utilizzando delle protesi mobili.
Possono essere totali, se sostituiscono tutti i denti, o parziali, se si agganciano agli ultimi elementi presenti.
Il vantaggio è rappresentato dal costo contenuto,lo svantaggio dalla mobilità che, per quanto ben eseguite, presentano e che richiede al paziente di apprendere a mangiare in un nuovo modo, con piccoli bocconi masticati contemporaneamente sui due lati, senza strappare direttamente il cibo con la bocca.
Richiedono poi di essere adeguatamente pulite e controllate ed eventualmente ribasate periodicamente.
La ribasatura permette, mediante una impronta, di riadattare la protesi ai cambiamenti che nel frattempo si sono verificati nell’osso e nella gengiva.

Share by: